venerdì 30 settembre 2011

....IN CORRIERA

Autobus, filovia, pullman, corriera e fra poco el tram da novo
per andar a Venessia a lavorar, varda come che me ritrovo.
E dentro sti automezi ti ghe ne vedi e senti de tuti i colori ogni volta
parchè i zè pieni de zente de ogni razza e de ogni sorta.
Ghe zè quelo che no fa el biglieto e no el zè de serto Portoghese
che’l se mete vissin la machineta atento che
no vegna su el controlor, magari in borghese.
Se qualchedun la gà par caso molada
tuti se varda de sbiego co la facia schifada.
E de zente che no se lava, ghe ne zè tanta in corriera
ma nissun verze el finestrin
se nò l’odor se missia co i fumi de Marghera.
Nò manca mai un zovane che se scolta la musica a tuto balin
el se tien svegio lù e chi ghe stà vissin.
Oni tanto sona un telefonin proprio ne’l momento zusto
tuti lo tira fora par farte veder se’l zè de’l to gusto.
Se vede sempre uno che vol sentarse a ogni costo
lù conosse la zente quando la smonta
e ghe lassa cussì el posto.
Gò visto ‘na volta un vecio sporcacion che a ogni frenada
slongava ‘na manina e scampava ‘na palpada.
Ormai se gà perso da tempo anca l’usanza
de lasarghe el posto a le done in gravidanza.
Ghe zè anca chi fa finta da sentà de aver ciapà el sono,
par no lassar el posto a la vecieta anziana, parfin a sò nono.
Mi brontolo ma no saria da manco,
specie de sera co torno indrio stanco.

[F. Dal Cin]

Nessun commento:

Posta un commento