mercoledì 21 novembre 2012


Spesso ho paragonato la mia vita ad una stanza con sole due aperture, in una si entra e un'altra si esce; e dato che nessuno mi poteva dire cosa poteva succedere prima di entrare che cosa o dopo che sarei uscita. Ho dovuto a ragion veduta, ammettere che con me coabitava per l'intera vita fratello "Mistero". Ovvero per chi come me ha l'intuito di affidarsi a Dio, nostro comune Creatore, ecco che si apre come magia una "piccola finestrella", un terzo varco quindi, dal quale si vede entrare un bagliore di Luce di nome sorella Speranza.

-- Lina Viglione --

 

1 commento:

  1. Grazie x aver postata questi miei versi . Mi ha fatto veramente felice :-))

    RispondiElimina