sabato 13 aprile 2013

Charles Bukowski





La gente era sempre interessante da principio.
Poi, lentamente ma inesorabilmente, spuntavano i difetti e la pazzia.
Io significavo sempre meno per loro, loro significavano sempre meno per me.

MI PADRE ME DICEVA...



Mi' padre me diceva:
fa' attenzione a chi chiacchiera troppo;
a chi promette a chi dopo èsse entrato, fa: "permette?";
a chi aribbarta spesso l'opinione e a quello, co' la testa da cojone, che nu' la cambia mai;
a chi scommette; a chi le mano nu' le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione pe' di' de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre "so' d'accordo";
a chi s'atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia; ma soprattutto a quello - er più balordo - che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

(Aldo Fabrizi)